Riccardo Pasini, il brand entertainer


Dalle aule di largo Gemelli alla laurea in Psicologia fino alla carriera di produttore, regista e conduttore televisivo. È un percorso insolito quello di Riccardo Pasini, fondatore di “Prodotto, fattori di videoevoluzione” e Brand Entertainer, come ama definirsi anche sul suo profilo Twitter. La scelta di psicologia non è stata casuale. «La decisione di fare tv è sorta ancor prima dei miei studi universitari. Fin dall’età di tre anni ero affascinato dal piccolo schermo. Il desiderio di inseguire il sogno di lavorare in televisione è maturato dopo».
Perché proprio la facoltà di Psicologia? «Volevo fare l’Università, con l’intento di frequentare un percorso di laurea che mi fornisse strumenti sia teorici, sia pratici. Da questo punto di vista psicologia era il corso perfetto perché come principio fondamentale ti consente di capire il tuo interlocutore nell’atto di comunicare. Eppure all’inizio era scontato che avessi frequentato Scienze della Comunicazione, avendo sostenuto anche il test d’ingresso».
Che cosa è successo? «Un amico di famiglia, Enzo Baldoni,
un grande pubblicitario, mi suggerì di valutare anche altre possibilità. Così, dopo una serie di considerazioni, mi sono reso conto che Psicologia faceva al caso mio. E feci una scommessa: rinunciare all’ammissione che avevo già in tasca tentando un altro test di ingresso».
Una mossa che si è rivelata vincente. «Infatti, il percorso in Università Cattolica mi ha dato l’opportunità di avere dei contatti, con professori, personalità, ma soprattutto aziende. Un punto di partenza che ancora oggi sta dando i suoi frutti nel mio lavoro quotidiano, dove serve essere anche un bravo psicologo».
Cosa le interessava di più? «La televisione via internet, a cui ho dedicato la tesi di laurea. La mia ricerca, seguita dal professor Carlo Galimberti, è iniziata nel 1997 e si è conclusa nel 2001, in (continua a leggere su CattolinaNews)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...